logotype
27 -January -2022 - 07:02
             
PS01       9 Ago   FALCONS 34-27   
PS02 17 Ago at BUCCANEERS

14-16 

 
PS03 23 Ago

JAGUARS

22-7  
PS04 29 Ago  at SAINTS 16-13  
W01 8 Set RAVENS

10-59

 
W02 15 Set PATRIOTS 0-43  
W03 22 Set at COWBOYS 6-31  
W04 29 Set CHARGERS

10-30

 
W05 BYE BYE BYE BYE BYE  BYE 
W06 13 OTT REDSKINS 16-17  
W07 20 Ott at BILLS 21-31  
W08 29 Ott at STEELERS 14-27  
W09 3 Nov  
JETS 26-18  
W10 10 Nov at COLTS 16-12  
W11 17 Nov    BILLS      20-37
W12 24 Nov at BROWNS 24-41  
W13 1 Dic EAGLES 38-31  
W14 8 Dic at JETS 21-22  
W15 16 Dic at GIANTS 20-36  
W16 22 Dic BENGALS 38-35  
W17 29 Dic at PATRIOTS 27-24  
 

 

         

 

* l'orario delle partite con l'asterisco potrebbe cambiare

partite in casa/home partite in trasferta/away 

AFC East Division W L T
PATRIOTS  12 X
BILLS 10 6 X
NY JETS  7 X
DOLPHINS  5 11  X

Settimana scorsa i Miami Dolphins hanno debuttano i preseason in casa all'Hard Rock Stadium, deserto, contro gli Atlanta Falcons vincendo la gara amichevole difronte al pubblico amico. La squadra del neo Head Coach Brian Flores ha offerto una buona prova battendo con una meta di scarto la squadra dell'italianissimo kicker Giorgio Tavecchio. C'è da dire che nei giorni che precedevano l'incontro i Miami Dolphins hanno licenziato l'allenatore della linea di attacco Flaharty e hanno messo al suo posto DeGuglielmo, diciamo non una cosa piacevolissima proprio a ridosso dell'inizio della stagione.  I Falcons, alla loro seconda partita stagionale dopo aver perso contro i Broncos nella Hall Of Fame Game la settimana precedente, sono sembrati molto più in palla con un buon attacco guidato da Schaub. Per i nostri in attacco il primo a posizionarsi dietro al centro con la linea dei possibili titolare è stato Fitzpatrick e non ha sfigurato. Ha mosso bene la palla e si è reso protagonista anche di alcune corse per evitare di essere placcato riuscendo a far muovere la catena. Bel completo anche mentre scappa su un lato e lancia a Parker per un primo down. Drake a portare la palla e la linea che tutto sommato tiene blocca e protegge. Il suo lavoro ha prodotto il primo FG messo a segna da Sanders da 48ys. Dolphins 3 Falcons 0

Atlanta con il loro primo attacco ha messo in difficoltà non poco la nostra "prima" difesa. Wilkins si è subito messo in evidenza, prepotente, poderoso e agile, spesso lo raddoppiano ma è davvero un guerriero. Anche Baker molto attivo e presente. In mezzo e in linea si è visto qualcosa di buono ma dietro nella secondaria forse siamo ancora da registrare in qualche fase di gioco. Il nostro CB #40 Needham più di una volta in affanno o in ritardo e anche il #33 Wiltz un pò disattento. Bene il #25 Howard. Ottima figura l'ha fatta il #95 Carradine al suo 5 anno nella NFL (ex 49ers e Raiders) pressando sempre come un ossesso creando spesso problemi per la linea di attacco avversaria. In ogni caso anche nel primo drive di attacco degli avversari abbiamo sofferto come al solito delle coperture nel flat. Quella rimane la zona di nessuno, chiunque raggiunge quel posto si trova magicamente in paradiso, libero di riceve e guadagnare terreno. Ok mancavano Alonso e McMillen... ma il problema continua a essere le stesso delle precedenti 20 stagioni?... Una penalità di holding chiamata contro di noi di Needham permette ad Atlanta di andare di corsa da 1 yard in endzone. Tentano la trasformazione da due ma senza riuscirci. 90 yard di drive e 2 penalità a favore. Falcons 6 Dolphins 3

Nel nostro secondo drive in attacco è sempre Fitzpatrick al comando ma questa volta solo per un 3&out, due incomprensioni con Ballage. Nel secondo periodo i Falcons sono in attacco e la nostra difesa riesce a tenerli a bada con il rookie Van Ginkel, Spence e il #4 Orchard (ex Chiefs) che mette a segno subito un bel sack ai danni di Schaub. Nel nostro terzo possesso offensivo, quando sul cronometro ci sono da giocare 13:13(!!!) del secondo quarto signori e signori ecco a voi Josh Rosen in cabina di regia, il nostro Quarterback del futuro o così si spera! Diciamolo : primo drive e primo Touchdown! 9 giochi 71ys con 3 penalità a favore. Ma andiamo con ordine. Lo scorso anno ha messo a segno il 55,2 dei completi, per 2,278 yards con 11 TD e 14 Int giocando 13 partite da titolare e subentrando 1 volta a partita in corso.

Con la palla sulle nostre 29 yards Rosen scarica 2 volte senza completare ma una penalità a nostro favore per un colpo in ritardo proprio su di lui ci tiene a galla.  Sottopressione si muove bene e in movimento scarica completando sul TE O'Leary e poi lancia una gemma per il WR Williams. Ballage trova degli spazi per portare avanti la palla su corsa e Rosen poi nuovamente imbecca Hurns ed infine sempre Ballage varcherà la linea di meta con una corsa di 1 yard, buono il calcio addizionale e Dolphins 10 Falcons 6

Nel drive seguente subiamo solo un FG, gestiamo benino il loro gioco di corsa ma concediamo 2 bei completi per un bel pò di yards. In linea di difesa Godchaux si fa rispettare non poco. Alle fine comunque per loro Tavecchio infila i nostri pali dalla distanza di 38ys. Dolphins 10 Falcons 9

Non c'è manco il tempo di cambiare possesso che Rosen poi si fa subito intercettare, un lancio brutto al centro, un errore davvero strano. Intercetto riportato fino sulla linea delle nostre 3yards. Per loro un regalo subito convertito ancora sempre con la gamba del kicker italiano Tavecchio con altri 3 punti sul tabellone. Dolphins 10 Falcons 12

Successivamente Rosen subisce anche un sack al terzo down dopo 2 incompleti andiamo al punt. Con 2:22 al termine del primo tempo Schaub porta i suoi in touchdown con solo 3 lanci guadagna 50ys. Uno screen che con 2 quasi 3 placcaggi mancati in stile bloopers permette poi ad Atlanta di allungare il punteggio. Con il calcio buono Dolphins 10 Falcons 19. Non benissimo!

Nell'ultimo minuto Rosen è chiamato a dimostrare che sa fa molto meglio e con l'attacco del "2 Minute Offense"  in 8 giochi porta i Dolphins a segnare un FG che accorcia il punteggio, Dolphins 13 Falcons 19

Grazie ad un bel ritorno del WR #84 Ford partiamo in attacco dalle nostre 25yards e poi Rosen trova un lancio lungo sulla side line sinistra che il rookie undrafted free agent WR #82 Preston Williams riceve in un modo ultra acrobatico estendendosi ai limiti del possibile facendo sua la palla con una mano, la sinistra, 36ys di guadagno, da circo. Dopo Rosen viene rimesso per la seconda volta nel sacco e poi però pesca sul profondo anche Butler per 17ys. Purtroppo poi in linea Dieter commette una falsa partenza e perdiamo terreno, subito riconquistato da Rosen in scramble ma poi è costretto ad uno spike per non far terminare i pochi secondi rimasti da giocare. Andiamo al Fg ancora con Sanders e chiudiamo il primo tempo sotto di 6 punti 19 a 13 per Atlanta.

Poteva andare meglio ovvio. C'è da vedere Rosen con la linea dei possibili titolari, e forse lo vedremo già con la seconda pre season contro i Buccaneers. Già le preseason sono partite bruttissime e si fa fatica a seguire i primi 2 quarti, figuriamoci il terzo e quarto quarto farcito da tutti i "disperati". Scherzo, ma non troppo. Il tabellino del primo tempo dice che abbiamo corso per 48ys e loro 29 e guadagnato per aria 102 e loro 167. primi down pari a quota 12, total yards 150 e loro 196. Possesso 12:36 e loro 17:24

Alla ripresa i Falcons in attacco vanno al punt e per noi é sempre Rosen a dirigere e nel primo drive del secondo tempo e in 9 giochi andiamo in touchdown su corsa con Walton ad uscire sulla destra verso il piloncino . Sugli scudi per noi il RB #9 Walton che non si muove per niente male. Il WR #82 Williams si mette nuovamente in evidenza con un'altra presa in elevazione sopra la testa del suo difensore e afferra la palla prima di tornare con i piedi per terra, 27ys davvero bravo e concreto. Seguitelo su Instagram @thresort. Belle prese anche per i WRs # 86 Hurns nel traffico al centro e per il # 17 Butler a sinistra sulla side line prima di uscire.  Dolphins 20 Falcons 19

Nel terzo quarto il punteggio non cambia più e non succede molto. Il nostro Hendrix prima riesce a fare un sack al loro qb Simms, sack che produce un fumble subito ricoperto da loro purtroppo ma alla fine ferma la loro avanzata e vanno al punt. Per noi c'è ancora Rosen in campo, forse a sorpresa, e nel drive a cavallo degli ultimi 2 quarti muove bene la palla facendo avanzare la squadra sino alle loro 20ys. Buoni passaggi completi per Butler(10ys) e #87 Walford(13ys e 21ys), bravo deciso senza paura, valido. Contribuisce anche il RB #42 Laird che corre 3 volte per 7ys totali. Su un 2&10 dalle loro 20ys Rosen lancia per il WR #17 Hurns che riceve sulle 15ys ma poi perde l'ovale che viene recuperato dagli ospiti. Peccato.

Ma non c'è problema perchè i nostri giovani difensori bloccano subito il loro attacco forzandolo ad andare al punt. Ecco qui che è arrivato il momento del nostro terzo QB il # 5 Rudock che nel suo primo drive dopo 9 giochi porta i Miami Dolphins in endzone con un passaggio per il RB #37 Gaskin. Rudock ha braccio e personalità. Era tempo che non vedevo un ragazzo, terzo QB, con un piglio del genere. Positivo. 5 su 5 per 51ys e 1 TD. Bravo. Buono anche il WR #16 Irvin. Peccato aver visto in campo senza mai essere chiamato in causa il WR #18 Horn ex Seamen Milano, speriamo che nella prossima possa contribuire in qualche modo e far vedere che non è niente male. Dolphins 27 Falcons 19

Dopo i Falcons tornano in meta e con la trasformazione da 2 pareggiano il punteggio è sul 27 pari. Successivamente il loro attacco viene poi messo sotto pressione. I nostri difensori con Holmes Ledbetter e Hendrix mettono a segno 2 sack consecutivi in prossimità della loro goal line su un 3° e 4° tentativo. Gaskin segna nuovamente questa volta su corsa di 6ys e Sanders aggiunge il punto della trasformazione, finale a Miami Dolphins 34 Falcons 27

Per i Miami Dolphins inizia la stagione ed è già un brutto inizio visto che la squadra ha annunciato che Jim Caldwell farà un passo indietro dalla posizione di Assistant Head Coach/Quarterbacks per motivi di salute ma che svolgerà il compito di consulente per tutta la stagione 2019. Non è un abbandono ma se la sua situazione di salute glielo permetterà darà i suoi preziosi consigli per aiutare la squadra a cresceree in questo enesimo progetto di ricostruzione.
Saembrava essere il tassello giusto, che mancava ai Dolphins, un bravo allenatore, calmo, esperto e purtroppo il suo apporto sarà speriamo più che a mezzo servizio.
  
Il nostro nuovo head Coach brian Flores ha detto : "
 
“Ora il nostro scopo è quello di aiutare Jim in tutto e per tutto e ,a sua salute è la prima cosa che conta, e con tutta la sua esperienza sarà comunque importante averlo come consigliere per me e tutti gli altri del coaching staff" 
 
Caldwell si era aggiunto al coaching staff l'8 Feb 2019 e con alle spalle 17 anni di carriera nella NFL  con ben 7 anni da head coach per 2 differenti squadre : Indianapolis Colts 2009-11 e i Detroit Lions 2014-17, con un record 62-50 (.554), con 4 qualificazioni ai playoff, 2 stagioni con 11-win e 1 fino al conference championship.
 
Auguriamo A Jim Caldwell di riprendersi al meglio.
 
 
 
I Miami Dolphins inizieranno il training camp domenica 21 Luglio con tutti i rookies e poi mercoledì 24 Luglio si uniranno tutti i veterani. Il 25 Luglio la sessione di allenamento sarà aperta anche al pubblico con inizio alle ore 9:40 di mattina. Per tutta la duranta del training camp sanno ben 10 gli allenamenti dove i tifosi potranno assistere oltre allo scrimmage che si terrà all'Hard Rock Stadium. Nella settimana che precederà la partita di preseason contro i Buccaneers anche 2 allenamenti a Tampa saranno aperti al pubblico.
 
 
Per chi passa da quelle parti e vorrebbe andare a vedere la squadra allenarsi gratuitamente è consigliato registrarsi qui https://www.miamidolphins.com/trainingcamp/
 
   
giov 25 Luglio - 9:40am
ven 26 Luglio - 9:40am
sab 27 Luglio - 9:40am
dom 28 Luglio - 9:40am
mar 30 Luglio - 10:30am
merc 31 Luglio - 9:40am
gio 1 Ago - 9:40am
ven 2 Ago - 9:40am
sab 3 Ago - 1pm (Scrimmage at Hard Rock Stadium)
lun 5 Ago - 10:30am
mar 6 Ago - 9:40am
mar 13 Ago - 10am (in Tampa)
gio 14 Ago - 10am (in Tampa)
 
 
Se invece siete in zona Tampa conviene registrarsi qui https://www.buccaneers.com/trainingcamp/

I Miami Dolphins nel terzo e ultimo giorno del draft NFL 2019 hanno scelto altri 4 giocatori: Round 5 • Pick 13 (151) • LB Andrew Van Ginkel, da Wisconsin e sicuramente è stata una scelta curiosa questa dove il giocatore nella lista dei LBs ancora disponibili, listati a seconda del punteggio degli esperti era in posizione quaranta e tanti, la 43esima se non sbaglio... Mah!?!? Nelle sue 2 ultime stagioni ha 17 tackles for loss e 11 sacks, asso negli special teams.

Round 6 • Pick 30 (202) • T Isaiah Prince da Ohio State dove ha giocato titolare tutte le sue 41 partite nelle 3 stagioni di college, team captain e first-team All-Big Ten da senior.

Round 7 • Pick 19 (233) • RB Chandler Cox Esperienza nei ruoli di fullback, tailback, wildcat con Auburn nelle sue 4 stagioni dove ha giocato per 52 partite con ben 41 partenze da titolare statistiche più che normali con 26 palle prese in ricezione e 4 TDs segnati (3 rushing, 1 receiving).

Round 7 • Pick 20 (234) • RB Myles Gaskin e qui signori ultimo ma non ultimo un bel pick di quelli che potrebbero fruttare yards e touchdowns... Il nostro Mister Irrelevant è un signore running back primo true freshman nella storia della University of Washington a guadagnare 1,000 rushing yards e record nella FBS history con tutte e 4 le stagioni dove ha corso per più di 1,200-yard rushing seasons, con una media di 15 touchdowns a stagione con Washington.

 

Precedentemente al draft i Miami Dolphins avevano messo sotto contratto 7 free agents in arrivo dalla defunta Alliance of American Football (AAF) che questa primavera ha bruscamente finito la corsa prima della conclusione della prima stagione. 5 giocatori erano con i San Antonio Commanders, 1 con i Birmingham Iron e 1 con i Memphis Express.

Dunn ha giocato 7 partite da titolare con i Birmingham Iron, nel 2018 era con i Jacksonville Jaguars nella loro practice squad. Dunn entrò nella NFL come undrafted college free agent con i Los Angeles Rams nel 2017; college di provenienza Maryland.

Elliott era con i San Antonio Commanders dove ha giocato 8 partite mettendo a segno 7.5 sacks, 22 tackles (14 solo). Elliott (2014-16) era con i Green Bay Packers, giocando in 38 partite collezionando 32 tackles (25 solo), 4 sacks, 1 interception, 2 passes defensed e 1 forced fumble. Entrò nella NFL come undrafted college free con Green Bay nel 2014 per poi essere scambiato ai Dallas Cowboys nel 2017. Nel 2018 era con i Saints per tutta l'offseason e il training camp a New Orleans.

Farrow anche lui nei  San Antonio Commanders in attacco ha giocato 8 partite e il suo tabellino dice 106 carries per 372 yards (3.5 avg.) e 4 touchdowns più 12 receptions per 95 yards (7.9 avg.). In precedenza Farrow ha giocato in 13 partite con 2 da titolare per i San Diego Chargers nel 2016, totalizzando 60 carries per 192 yards (3.2 avg.) e 13 receptions per 70 yards (5.4 avg.). Nella NFL anche lui come undrafted college free agent con San Diego nel 2016 e successivamente nella practice squad di New England nel 2018.

Holmes terzo giocatore dei San Antonio Commanders con 15 tackles (11 solo) e 1.5 sacks in 8 gare. Holmes ha avuto l'occasione di giocare 15 gare in 2 stagioni (2016-17) con i Cleveland Browns, totalizzando 7 tackles (1 solo) e 1 one sack, poi con Jacksonville (2016), Kansas City (2017-18) ed in fine con i Los Angeles Chargers (2018). Holmes fù scelto come sixth-round pick (181st overall) da Jacksonville nel 2016 NFL draft.

Jones-Smith San Antonio Commanders con 8 partite da titolare in precedenza ha partecipato alla offseason e training camp con gli Houston Texans come undrafted college free agent proprio con loro nel 2018. Jones-Smith arriva da Pittsburgh dove giocò 33 gare con 13 da titolare.

Mbu San Antonio Commanders con 9 tackles (3 solo) e 2 sacks. Ha giocato in 9 partite NFL due nel 2015 con Atlanta e 7 nel 2017 con Indianapolis – and totaled 7 tackles (3 solo) e 3 sacks. Mbu poi è stato con Green Bay (2018) e prima ancora con Washington (2017). Uundrafted college free agent con Atlanta nel 2015.

Ultimo giocatore è un WR Reece Horn un signor giocatore.  Dopo essere stato con i Tennessee Titans nel 2016 per tutta la offseason e il training camp come undrafted college free agent nel 2016 è venuto a giocare in Italia con i Seamen Milano nel 2017 vincendo L'italian Bowl e successivamente nel 2018 si è accasato in Austria con i Vienna Vikings dove ha vinto anche lì il campionato. Horn è stato un first-team Division II All-American da senior a Indianapolis nel 2015. Quest’anno con gli Express di Memphis in 8 gare ha ricevuto 28 receptions per 429 yards (15.3 avg.) e 1 touchdown. Al momento della sospensione del campionato AAF era quarto nella classifica di ricevitori.

Altri movimenti sul roster sono avvenuti proprio dopo la fine del primo mini camp volontario e  i Miami Dolphins hanno deciso di lasciare liberi 3 giovani giocatori : il cornerback Dee Delaney che l'avevamo preso dai Jacksonville a Dicembre 2018 con i quali aveva giocato solo 2 partite, undrafted college free agent con Jacksonville nel 2018, poi il quarterback Luke Falk che era con noi ma sulla injured reserve dall'Ottobre scorso, ed era stato un sixth-round pick (199th overall) dei Tennessee nel 2018 NFL draft, e poi e il defensive end Jeremiah Valoaga che era con la nostra practice squad nel 2018 ma arrivava come undrafted college free agent da Detroit del 2017, dove aveva giocato 9 partite mettendo a segno 5 solo tackles e 1 sack.

Buon secondo giorno del NFL draft 2019 per i Miami Dolphins. Alla fine abbiamo preso un Qb e un giocatore di linea d'attacco ma come li abbiamo presi? La nostra seconda scelta in posizione 48 l'abbiamo scambiata con i New Orleans Saints per la loro alla posizione 62 di quest'anno piu' la seconda scelta al prossimo draft, e poi abbiamo ceduto la nostra alla posizione 62 piu' una quinta scelta del prossimo anno agli Arizona Cardinals e ci siamo presi il loro Qb Josh Rosen. Lo scambio era nell'aria, era tempo che ne parlavano tutti. Al primo giorno del draft i Cardinals con la prima scelta in assoluto avevano preso il QB Murray di Oklahoma pensando possa essere lui d'ora in avanti il Qb a guidare la loro franchigia. Rosen in quel preciso momento credo abbia iniziato a fare la valigia per la partenza destinazione Miami, Florida per i Miami Dolphins. In cambio oltre al giocatore i Cardinals ci hanno dato la loro quinta scelta al prossimo draft 2020. Josh Rosen era stato scelto lo scorso anno da Arizona come prima scelta da UCLA, decimo giocatore scelto in assoluto, quindi l'affare sembra che l'abbiamo fatto noi. Il giocatore è vero che ha giocato male nel deserto ma un primo anno da rookie con una brutta linea di attacco e una squadra non certamente messa benissimo può aver condizionato sicuramente il suo anno di debutto. 
Nel 2018 in 14 partite (13 da titolare), 55.2 percentuale di completi per 2,278 yards e 11 touchdowns ma con 14 intercetti. Mentre con UCLA nei 3 anni precedenti ha lanciato per 59 touchdown e solo 26 intercetti con il 60.9 % di lanci completati.
Ora da noi trova una squadra giovane in costruzione dove potrebbe avere il tempo necessario di crescere con meno pressione e più calma. E non dimentichiamoci che con un allenatore come Jim Caldwell il giovane Rosen non può che migliorare tac! Speriamo. Se son Rosen fioriranno! ahahaha
 
 
Al terzo giro invece in posizione 78 in assoluto i Miami Dolphins hanno scelto l'offensive lineman Michael Deiter da University of Wisconsin. Grand bel pick anche questo, ottimo per la nostra linea di attacco, è una Guardia, Left Guard ma ha esperienza anche nei vari ruoli in linea di attacco. In passato era stato impiegato così nelle sue 54 partite precedenti in 4 stagioni a livello di college : 7 left guard,  6 center nel 2015; 10 center e 4 left guard nel 2016; 14 left tackle nel 2017; 13 left guard nel 2018.
Un All Big 10 team nel 2017 e 2018.
 
Sabato ultimo giorno del 2019 NFL draft con le scelte degli ultimi 4 rounds, 4,5,6,e,7.
 
Ora per noi le nostra prossime scelte, se non cambierà nulla nel frattempo, saranno le seguenti:  
 
Round 5 • Pick 13 (151)
Round 6 • Pick 30 (202) • From Saints
Round 7 • Pick 19 (233) • From Titans
Round 7 • Pick 20 (234) • From Steelers through Browns
 
Bene per ora dal mio punto di vedere le cose non bisogna che applaudire il nostro General Manager Chris Grier.
Scelte concrete, sicure, non sexy ma di un certo spessore.

Al  draft della stagione NFL 2019 da Nashville, "Music City", Tennessee i Miami Dolphins al primo giro con la scelta numero 13 hanno preso il DT Christian Wilkins di Clemson, un vero portento! Che dire? Ottima scelta con un giocatore davvero dotato che potrebbe essere subito impiegato entro pochissimo tempo nella formazione della linea di difesa titolare.  Curioso il modo di presentarsi di Wilkins al commissioner Roger Goodell, con un salto sul fianco che per poco non lo butta a terra! Altri giocatori nello suo stesso ruolo, Defensive Tackle, erano stati scelti prima come dai Jets, al 3° posto, che hanno perso Williams da Alabama e poi i Bills, al 9° posto, hanno preso Oliver da Houston. 

L'altra nostra rivale di divisione invece ha chiuso il primo giorno del draft al 32° scegliendo Harry WR da Arizona State. Come era previsto da molti la prima scelta assoluta del 2019 NFL draft è stato il QB Murray da Oklahoma che è stato preso dai Cardinals. Altri QBs scelti al primo giro sono stati Jones da Duke per i Giants al 6° posto e poi, dopo di noi, i Redskins al 15° posto hanno scelto Haskins di Ohio State.

Ora aspettiamo il secondo giorno del draft che prenderà vita nella notte e dove tutte le squadre saranno impegnate con le scelte del secondo e terzo giro. I Miami Dolphins in questa seconda sessione avranno da spendere 2 scelte. Per noi chi arriverà? QB o OT/OG? Non ci resta che aspettare e prepararci a seguire anche questa notte alle 2 in Italia.

 

Questo l'elenco di tutte le scelte del primo giorno

Round 1

Pick

1. Arizona Cardinals: Kyler Murray, QB, Oklahoma

2. San Francisco 49ers: Nick Bosa, DE, Ohio State

3. New York Jets: Quinnen Williams, DT, Alabama

4. Oakland Raiders: Clelin Ferrell, DE, Clemson

5. Tampa Bay Buccaneers: Devin White, LB, LSU

6. New York Giants: Daniel Jones, QB, Duke

7. Jacksonville Jaguars: Josh Allen, LB, Kentucky

8. Detroit Lions: T.J. Hockenson, TE, Iowa

9. Buffalo Bills: Ed Oliver, DT, Houston

10. Pittsburgh Steelers (via trade with Broncos): Devin Bush, LB, Michigan

11. Cincinnati Bengals: Jonah Williams, OT/OG, Alabama

12. Green Bay Packers: Rashan Gary, DE/LB, Michigan

13. Miami Dolphins: Christian Wilkins, DT, Clemson

14. Atlanta Falcons: Chris Lindstrom, OG, Boston College

15. Washington Redskins: Dwayne Haskins, QB, Ohio tate

16. Carolina Panthers: Brian Burns, DE, Florida State

17. New York Giants: Dexter Lawrence, DT, Clemson

18. Minnesota Vikings: Garrett Bradbury, C, North Carolina State

19. Tennessee Titans: Jeffery Simmons, DT, Mississippi State

20. Denver Broncos (via trade with Steelers): Noah Fant, TE, Iowa

21. Green Bay Packers (via trade with Seahawks): Darnell Savage, S, Maryland

22. Philadelphia Eagles (via trade with Ravens): Andre Dillard, OT, Washington State

23. Houston Texans: Tytus Howard, OT, Alabama State

24. Oakland Raiders: Josh Jacobs, RB, Alabama

25. Baltimore Ravens (via trade with Eagles): Marquise "Hollywood" Brown, WR, Oklahoma

26. Washington Redskins (via trade with Colts): Montez Sweat, DE, Mississippi State

27. Oakland Raiders: Johnathan Abram, S, Mississippi State

28. Los Angeles Chargers: Jerry Tillery, DT, Notre Dame

29. Seattle Seahawks: L.J. Collier, DE, TCU

30. New York Giants (via trade with Seahawks): Deandre Baker, CB, Georgia

31. Atlanta Falcons (via trade with Rams): Kaleb McGary, OT, Washington

32. New England Patriots: N'Keal Harry, WR, Arizona State

Il 25 Aprile 2019 inizierà il Draft della NFL A Nashville Tennessee, che durerà fino al 27 e i nostri Miami Dolphins con il nuovo Head Coach Brian Flores sono chiamati a fare delle scelte importantissime per il futuro della nostra squadra. Tanti i giocatori che sono andati via e il draft giusto appunto è il primo passo per rimpiazzare i buchi a roster. 

Dopo lo scambio del QB Ryan Tannehill (che è andato ai Titans x una settima scelta al draft di quest'anno e una al draft 2020) e messo sotto contratto come QB temporaneo l'esperto Fitzpatrick è facile pensare che una delle prime nostre scelte saranno spese per prendere il nostro franchise quarterback.

Quante scelte abbiamo in questo draft e in che ordine ? Dopo la conclusione della stagione scorsa siamo in posizione numero 13, dal fondo, sceglie il peggiore fino al migliore e quindi al primo round abbiamo il pick # 13, mentre nel secondo giro pick # 16, al terzo round #14, al quarto #14, al quinto #13, nessuna scelta al sesto ma due al settimo giro #19 e #20.

In riassunto nel primo giorno la prima scelta come tredicesima in assoluto, il secondo giorno il 26 Aprile ci saranno le scelte dei Round #2 e #3 e lì abbiamo la 48esima e la 78esima in assoluto. In chiusura nell'ultimo giorno del draft, il 27 Aprile andranno in scena velocemente le scelte degli ultimo 4 Rounds, 4,5,6 e 7 e spenderemo le ultime quattro scelte, 116, 151, 233 e 234 sempre che tutto non cambi, nel caso ci fossero degli scambi da qui al momento delle scelte vere e proprie.

 

1 - 13 (13)

2 - 16 (48)

3 - 14 (78)

4 - 14 (116)

5 - 13 (151)

6 - 16 (188) ceduta ai Titans nello trade per Ryan Tannehill

7 - 15 (229) ceduta ai Lions nella trade per Akeem Spence

7 - 19 (233) ricevuta in cambio da Tennessee per lo scambio di Ryan Tahhenill 2019

7 - 20 (234) ricevuta in cambio da Cleveland per lo scambio di Jarvis Landri 2018

Dopo la perdita anche del DE Cameron Wake, anche lui ai Titans per delle scelte al draft 2020 è facile pensare che se non scegliamo un QB prenderemo un DE, DT. Tenendo conto anche della perdita del OT Ja’Wuan James, ai Broncos, potremmo scegliere anche un OT,OG. Tutto secondo i conti che il nuovo coaching staff avrà fatto per arrivare a quei momenti decisivi. Scegliere il giocatore che ti serve in quella posizione o prendere il più forte giocatore anche se non è una priorità in quel ruolo? Bel dilemma!

Mock draft a tonnellate, tutti fanno previsioni, tutti dicono la loro ma spesso è inutile stare dietro a tutti i pareri da voci più o meno importanti. Importante però è provare a seguirlo dal vivo grazie al canale NFL Network da quest'anno disponibile su DAZN o comunque via internet dal sito ufficiale della NFL o da quello ufficiale dei Miami Dolphins Alle 2:00 della notte del 26 Aprile qui in Italia. Buon draft a tutti

Ecco il calendario della stagione NFL 2019 per i Miami Dolphins. Bello brutto? Boh lo scopriremo da settembre in poi quando si inizierà a giocare le partite sui campi. Così a freddo la cosa brutta sembra proprio la BYE WEEK, la giornata di riposo subito alla Week 5, dopo appena 4 partite, il che vuol dire che poi ne resteranno altre 12 di fila senza sosta e per un team giovane come il nostro, tra coaching staff e giocatori, non sembra essere così simpatico.  

Per noi la stagione prenderà il via domenica 8 Sett week 1 in casa a Miami contro i Baltimore Ravens e nella settimana successiva il 15 Sett week 2 ospiteremo i campioni in carica dei New England Patriots, poi la prima trasferta sarà il 22 Set week 3 a Dallas contro i Cowboys e poi chiuderemo il mese il 29 Sett week 4 ospitando i Los Angels Chargers.

Ad Ottobre subito la pausa, il Bye week il 6 Ott, poi nuovamente in casa il 13 Ott week 6 contro i Washington Redskins e successivamente due trasferte il 20 Ott week 7 a Buffalo contro i Bills e la settimana dopo il 28 Ott week 8 a Pittsburgh per un Monday Night contro gli Steelers.

Quattro partite a Novembre con il 3 Nov week 9 in casa contro i New York Jets dell'ex head coach Adam Gase, poi andremo in trasferta il 10 Nov week 10 ad Indianapolis contro i Colts, nuovamente in casa il 17 Nov week 11 contro i Buffalo Bills e chiudiamo in mese in trasferta il 24 Nov week 12 nello Ohio a Cleveland contro i Browns.

Il rush finale a Dicembre con 5 partite si preannuncia davvero impegnativo con 3 trasferte al gelo. Il 1 Dic week 13 a Miami ospitiamo i Philadelphia Eagles, poi gita a New York per 2 settimane, l'8 Dic week 14 contro i New York Jets e il 15 Dic week 15 contro i New York Giants. Ultima partita in casa per salutare i tifosi all' Hard Rock Stadium di Miami il 22 Dic week 16 contro i Cincinnati Bengals per poi chiudere in bellezza il 29 Dic week 17 protagonisti al Foxboro contro i New England Patriots.

Un Monday Night Football a sorpresa quest'anno in Prime Time e nessun'altra apparizione al Thursday o Sunday Night per noi per ora dato che è sempre valida l'opzione del flexi schedule per gli incontri da metà campionato al termine della stagione.

Inizio soft contro sperando di incontrare i Patriots e Cowboys ancora in rodaggio, ad Ottobre l'insidia Steelers in diretta mondiale, a Novembre contro la squadra delle meraviglie in casa loro, Browns e Dicembre purtroppo tranci di pesce surgelato al nord... Vedremo. #FinsUpFromItaly

 

Pre Season 2019

Per quel che riguarda la Pre Season, le 4 partite di allenamento estivo,  giocheremo nell'ordine contro Falcons, Buccaneers, Jaguars e Saints.

PSW01 la prima è prevista tra l'8 e il 12 Ago in casa a Miami contro Atlanta.

PSW02 la seconda è prevista tra il 15 e il 18 Ago in trasferta a Tampa.

PSW03 la terza è già decisa per il 22 Ago in casa contro Jacksonville.

PSW04 l'ultima in trasferta tra il 29 o il 30 Ago a New Orleans.

 

 
Con l'arrivo del nuovo Head Coach Brian Flores, ex New England linebackers coach e defensive coordinator, ai Miami Dolphins c'è stato ovviamente un azzeramento del coaching staff e ora è partito il piano di ricostruzione partendo proprio dal gruppo degli allenatori. Tanti i giovani su cui il proprietario Stephen Ross scommette più qualche big che potrebbe servire anche in questo ambito come chioccia per gli sbarbati. 
 
Questo l'elenco completo :
 
- Brian Flores (Head Coach)
 
Offense 
- Jim Caldwell (assistant head coach/quarterbacks), 
- Chad O’Shea (offensive coordinator)
- Pat Flaherty (offensive line), 
- Jerry Schuplinski (assistant quarterbacks),
- Eric Studesville (running backs),
- Karl Dorrell (wide receivers), 
- George Godsey (tight ends),
 
Defense
- Patrick Graham (defensive coordinator), 
- Marion Hobby (defensive line),
- Josh Boyer (defensive pass game coordinator/cornerbacks),  
- Rob Leonard (linebackers),  
- Tony Oden (safeties),  
 
+ Danny Crossman (special teams coordinator),  +  Josh Grizzard (quality control), Matt Lombardi (quality control),  Tiquan Underwood (quality control).
 
Per l'attacco, non in veste di offensive coordinator abbiamo preso Jim Caldwell che in passato ha avuto lo stesso incarico con i Detroit Lions e gli Indianapolis Colts. Era stato corteggiato in offseason anche dai Cardinals, Jets, Packers e Browns ma alla fine ha scelto di venire a svernare al sole delle Florida.
 
Il gruppo sulla carta non sembra avere così tanta esperienza ma se poi si vanno a vedere i tabellini dei traguardi raggiunti l'opinione cambia. Sommando le esperienze singole si arriva ad un totale di 179 anni di esperienza nella NFL e nel dettaglio il gruppo ha un gruzzolo di ben 19 Super Bowl rings vinti  con 4 differenti squadre (Denver, Indianapolis, New England,  N.Y. Giants).  Poi andando avanti in queste classifiche assurde si trova che questi coach all'attivo hanno avuto  94 apparizioni ai playoff, 79 vittorie di division e 31 conference championships.
 
Jim Caldwell arriva a Miami con una esperienza di 17 anni NFL, di cui 7 come  head coach tra Colts e Lions.  Indianapolis Colts (2009-11) e Detroit Lions (2014-17),  62W-50L (.554) regular-season record, 4 volte ai playoff, 2 stagioni con più di 11 vittoriea stagione. Caldwell ha vinto 2 Super Bowls in veste di assistant coach con Indianapolis (Super Bowl XLI) e Baltimore (Super Bowl XLVII).
 
Chad O’Shea ha già 16 anni di esperienza NFL e in precedenza ha lavorato con Kansas City (2003-05), Minnesota (2006-08) e New England (2009-18) mettendo in tasca 12 titoli di division, 5 conference championships e 3 Super Bowls (XLIX, LI e LIII). Negli ultimi 10 anni con i Patriots era il loro wide receivers coach e ha avuto il privilegio di lavorare con gente come Randy Moss, Wes Welker e Julian Edelman. 
 
Pat Flaherty con 19 anni di NFL di cui 15 come offensive line coach e in questa veste ha vinto 2 Super Bowl con i New York Giants nel Super Bowl XLII del 2007 e nel Super Bowl XLVI del 2011. Flaherty è stato anche l' offensive line coach per Jacksonville nel 2017 arrivando fino all' AFC Championship game. 
 
Jerry Schuplinski in 6 anni con i Patiots ha vinto 3 Super Bowl (XLIX, LI and LIII) nel periodo 2013-18 vincendo 4 AFC titles arrinado sempre alla conference championship.  Dal 2016 al 18 come assistant quarterbacks coach di Tom Brady che nel 2017 vinse Most Valuable Player nella NFL lanciando  per ben 4,577 yards.
 
Eric Studesville per lui è un ritorno dopo che nel 2018 aveva aiutato la squadra a risalire la classifica per yards conquistate a portata, 4.68 yards nella sua prima stagione con noi. Studesville è il coach più esperto in squadra con ben 22 anni nella NFL, di cui ben 18 in qualità di running backs coach. Nelle passate stagioni ha raggiunto 2 conference championship (2013 and 2015) e ha vinto il Super Bowl 50 con i Denver Broncos.
 
Karl Dorrell torna anche lui ai Miami Dolphins sempre nella stessa veste di wide receivers coach come nel triennio 2008-10 e quarterbacks coach nel 2011. Nelle sue ultime 4 stagioni (2015-18) era con i N.Y. Jets come wide receivers coach e in quel periodo 5 ricevitori hanno raggiunto come minimo 50 ricezioni in stagione. 
 
George Godsey ha un buon trascorso con esperienze sia in attacco che in difesa. Nella NFL da 8 anni (2011-18) come assistant coach, ha avuto 7 stagioni vincenti con 5 divisions titles e 1 AFC Championship. Con gli Houston Texans è stato il loro offensive play-caller per 3 stagioni offensive coordinator (2015-16) e poi quarterbacks coach (2014). 
 
Patrick Graham con 10 anni di esperienza nella NFL raggiungendo i playoffs 8 volte vincendo 7 division titles, 2 conference championships e 1 Super Bowl (XLIX). Allenatore difensivo come defensive run game coordinator/inside linebackers coach per i Green Bay Packers nel 2018. Era con i Patriots insieme a Brian Flores e sarà il suo braccio destro.  
 
Marion Hobby è stato un ottimo il coaching defensive linemen per piu' di 20 anni dove ha anche svolto il compito di defensive coordinator e assistant head coach al college. Nelle 2 passate stagioni (2017-18) era a Jacksonville nel ruolo di defensive line 
coach, aiutando i Jaguars a diventare una tra le prime 5 difese della NFL in tutte e 2 le stagioni.  Nel suo palmares c'è anche la vittoria con Clemson nel 2016 sempre come defensive line coach. 
 
Josh Boyer arriva ai Dolphins dopo aver passato 13 anni (2006-18) con i New England, in nella posizione di cornerbacks coach (2012-18) e con lui i Patriots hanno vinto 12 division titles, 6 AFC championships e 3 Super Bowls (XLIX, LI e LIII). La squadra in quel periodo ha avuto un record di 162-46 (.779) in the regular season. 
 
Rob Leonard nelle sue ultime 6 stagioni (2013-18) con i N.Y. Giants prima come defensive assistant (2013-16) e poi assistant defensive line coach nel 2017,  e successivamente come outside linebackers coach nel 2018. 
 
Tony Oden già con noi nel 2018 come defensive backs coach, aiutando il cornerback Xavien Howard 7 intercetti e convocazione al suo primo Pro Bowl. Oden esperienza di 15 anni nella NFL sempre come defensive backs.  
 
Danny Crossman è stato special teams coach per tutti i suoi 26 anni di carriera nel football, di cui ben 16 nella NFL. Negli ultimi  13 anni era a Carolina (2005-09), a Detroit (2010-12) e Buffalo (2013-18).  
  
Josh Grizzard per lui sarà la sua terza stagione con noi come offensive quality control coach.
 
Matt Lombardi nel biennio (2017-18) era a Baylor come offensive quality control coach, inoltre ha passato 3 stagioni a Louisville come special teams quality control coach (2014) e graduate assistant con i tight ends (2015-16).
 
Tiquan Underwood è il meno esperto avendo iniziato lo scorso anno nel 2018 con il Lafayette College in veste di wide receivers coach ma in passato Underwood ha giocato nella NFL per 5 stagioni : Jacksonville (2009-10), 
New England (2011) e Tampa Bay (2012-13) per poi andare per 3 anni (2015-17) nella Canadian Football League.