logotype
27 -June -2022 - 07:29

Questo vuole essere un prospetto di quello che e' lo stato attuale delle cose, lo stato attuale del roster dei giocatori disponibili, tanti ma per pochi posti. Si inizia da questi per arrivare poi prima dell'inizio del campionato ai 53 prescelti.

QUARTERBACK (4): Ryan Tannehill (prima scelta al draft da from Texas A&M), Matt Moore e David Garrard al momento si contendono il posto da titolare sulla carta e si dovra' aspettare per vedere chi sara' il titolare per la prima partita di regular season. Pat Devlin destinato alla practice squad.
Quindi non dovrebbero esserci copi di scena 3 a roster e 1 in practice squad.
Tannehill, Moore e Garrard se la giocano, i 2 veterani e il rookie che pero' conosce gia' circa il 70% del sistema di attacco, la west coast offense e i 2 veterani che si devono adeguare al cambiamento di mind set velocemente. Ce' fortunamente tempo necessario ai 3 per prendere confidenza, imparare e aggiustarsi.
RUNNING BACK (6): Starter – Reggie Bush. Backups – Daniel Thomas, Lamar Miller (quarta scelta al draft da University of Miami), Jerome Messam (fullback), Steve Slaton, Jonas Gray (URFA da Notre Dame).
Solitamente a roster 4 o 5 sul 53-man roster, e anche 2 nella practice squad.
Bush, con 1,086 yards la scorsa stagione e' al suo ultimo anno di contratto con i Dolphins e se vorra' confermarsi al sole della Florida dovra' dimostrare in campo se ci tiene a rimanere con la squadra. Con il nuovo sistema di gioco dovremmo riuscirlo a vedere ancora piu' impegnato in ricezioni nel flat, screen ecc. Buono l'arrivo di Miller, abbastanza simile al tipo di gioco e movenze alla Bush anche se ancora "rozzo" in fase di pass block e di certo almeno all'inizio stagione sara' dietro a Daniel Thomas.  Messam, arrivato con esperienza in Canada nella CFL grosso e potente probabile impiego nella posizione di fullback. Slaton, veterano affidabile ma in compagnia di gente piu' giovane e rischia il posto se non rimane al passo. Gray destinato alla practice squad.

TIGHT ENDS (6): Starter – Anthony Fasano. Backups – Michael Egnew (terza scelta al dfart da Missouri), Charles Clay (H-back), Will Yeatman, Jeron Mastrud, Les Brown (ufa da Westminster).
I Dolphins in precedenza ne tenevano 3 o 4 a sul 53-man roster, ma Philbin con i Packers ne aveva a dispozione ben 5, facile pensare che rimarranno 5/6.
Breakdown: Fasano e' il titolare 32 ricezioni x 451 yards e 5 touchdowns l'anno scorso. Ci sara' piu' rotazione ma sara' sempre il TE primario anche lui nell'ultimo anno di contratto con i Dolphins. Investimento subito pensando al futuro con l'arrivo al draft di Egnew, alto fisico e buonissime mani. La versatilita' di un giocatore come Clay, impiegato con successo come H-back, fara' si che sulla carta si liberera' un posto per un TE. Yeatman, Mastrud pronti all'occorenza con il poco esperto Brown gia' in practice squad.
WIDE RECEIVERS (13): Starter – Davone Bess e Brian Hartline. Backups: Clyde Gates, Legedu Naanee, Roberto Wallace, Julius Pruitt, Marlon Moore, Chris Hogan, Marcus Thigpen, B.J. Cunningham (sesta scelta al draft da Michigan State), Rishard Matthews (settima scelta al draft da Nevada), Jeff Fuller (URFA da Texas A&M), Derek Moye (URFA da Penn State).

 

Reparto extra large dove subira' una revisione drastica prima dell'inizio del cmapionato. A roster 6/7 con 1 se talentuoso in practice squad.
Reparto che con la partenza di Brandon Marshall ha solo in Bess e Hartline ricevitori bravi e con la minima esperienza. L'attacco west coast dovra' girare grazie alla produzione dei ricevitori, con buone mani, precisi, efficaci e quindi questo reparto sara' cruciale per sperare in un buon esito finale della stagione. Bess sicuro come slot receiver, e Hartline all'esterno. In migliore posizione per trovare spazio sul roster e in campo ci sono  Gates Wallace  con il nuovo arrivo Fuller che conosce parte dell'attacco in quato ex compagno di Tannehill a Texas A&M. Speranze anche ben riposte in Cunningham e Matthews.

OFFENSIVE LINE (14): Starters – LT Jake Long, LG Richie Incognito, C Mike Pouncey, RG John Jerry and RT Jonathan Martin. Backups – OT Lydon Murtha, OG/OT Nate Garner, OG/OT Artis Hicks, OT Will Barker, C/OG Ryan Cook, OG Ray Feinga, C Terence Brown (URFA da BYU), OG Josh Samuda (URFA da UMass), OT Dustin Waldron (URFA da Portland State).
9 sul 53-man roster, e 2 in practice squad.
Con la parte a destra in ricostruzione e con Martin dirottato sul quel lato, potrebbe creare degli scompensi. Da LT a RT/G non e' cosi' semplice come si pensa pero' possiamo stare tranquilli sapendo che e' stato confermato Murtha. I Dolphins cercano mobilita' e gente piu' atletica in linea, non piu' dei mammuth ma giocatori veloci potenti sia per vari giochi con il pulling guard e blocchi di secondo livello downfield che da riuscire a sopperire con velocita' potenza e tecnica il peso delle difese avversarie.

E ora uno sguardo alla difesa che l'anno scorso comunque non ha fatto malissimo (sesta difesa x punti subiti e terza difesa contro le corse) a parte qualche blackout nell'ultimo quarto tipo in casa contro i Broncos... o a New York contro i Giants, a Dallas contro i Cowboys e a Cleveland con i Browns come al Foxboro contro i Patriots, 6 partite che si poteva vincere in tranquillita', partite gia' vinte al terzo quarto perse nel finale. La conferma che Cameron Wake rimane con noi e' gia' un solido punto di partenza.


Questo potrebbe essere lo stato attuale della difesa, sulla carta :

DEFENSIVE LINEMEN (12): Titolari : DE Randy Starks, NT Paul Soliai, DE Jared Odrick. Riserve : DE Olivier Vernon (terza scelta al draft da University of Miami), DE/DT Tony McDaniel, DT Ryan Baker, NT Isaako Aaitui, DT Kheeston Randall (settima scelta al draft da Texas), DE Derrick Shelby (URFA da Utah), DE Jacquies Smith (URFA da Missouri), DT Chas Alecxih (URFA da Pittsburgh), DE Jarrell Root (URFA da Boise State).

Solitamente i Dolphins ne tengono 7, al massimo 8 sul 53-man roster con l'aggiunta forse di 1 nella practice squad.

 

Quest'anno che i Dolphins useranno una hybrid defense, con un fronte difensivo a volte a 3 e altre a 4 e usando la terza scelta del draft per prendere dagli Hurricanes un pass rusher come Olivier Vernon, probabilmente potra' giocare subito prendendo il posto lasciato libero da Jason Taylor che si e' ritirato a fine stagione scorsa. Vernon se la deve vedere pero' con il rientrante Odrick rimasto fuori per infortunio quasi tutta la stagione scorsa, e ricordiamoci che e' stato il primo giocatore scelto al draft del 2010. Quindi con un fronte a 4 dovremmo vedere schierati Starks, Soliai, Odrick, Vernon. In aggiunta a loro come titolarei e' giusto pensare a Tony McDaniel.  Per tutti gli altri sara' una vera battaglia per un posto o a roster o nella practice squad, e l'unico che sembra + favorito degli altri e' Ryan Barker.

INSIDE LINEBACKERS (5): ILB Kevin Burnett, ILB Karlos Dansby, ILB/OLB Koa Misi, ILB Austin Spitler, ILB Cameron Collins (URFA da Oregon State).I Miami Dolphins per questo ruolo preferiscono tenere 4 giocatori a roster + 1 in practice squad. L'anno scorso il duo Dansby e Burnett ha prodotto oltre 200 placcaggi, e hanno anche tenuto abbastanza bene coprendo i tight ends e tailbacks in campo aperto. Probabile vedersi Misi
nella posizione di inside linebacker.

OUTSIDE LINEBACKERS (7): OLB Cameron Wake, OLB Gary Guyton, OLB Jamaal Westerman, OLB Josh Kaddu (quinta scelta al draft da Oregon), OLB Jason Trusnik, OLB Jonathan Freeny, OLB Shelly Lyons (URFA da Arizona State).

Qui disolito altri 5 sul 53-man roster e 1 in practice squad.
Cameron Wake e' stato il migliore della pattuglia. Il giovane  Vernon sicuramente potra' dare il suo contributo immediatamente come gli esperti e nuovi arrivati Guyton e Westerman mersatili e all'occorrenza anche tappa buchi!  Gli occhi sono orap untati su  Kaddu per vedere cosa sara' in grado di dimostrare durante il training camp e nelle partite di pre season.

CORNERBACKS (10): Titolari LCB Vontae Davis, RCB Sean Smith. Backups: CB Richard Marshall (nickel), CB Nolan Carroll, CB Jonathan Wade, CB Vincent Agnew, CB Quinten Lawrence, CB Marcus Brown, CB Trenton Hughes (URFA da Maryland) e CB Kevyn Scott (URFA da Syracuse).

 

5 o 6 cornerbacks sul 53-man roster, e anche 2 in practice squad.
Dietro a Davis e Smith il nuovo arrivato Marshall per dare sostanza al reparto versatile anche nella nickel. Carroll,Wade nettemante davanti a  Agnew, Lawrence, Brown, Hughes e Scott che dovranno battersi per primeggiare.

SAFETIES (6): FS/SS Reshad Jones, SS Tyrell Johnson, FS Chris Clemons, FS Tyrone Culver, FS Jimmy Wilson, SS Anderson Russell
4 o 5 safeties sul 53-man roster. Facile pensare che i Dolphins cercheranno di avere dei giocatori che possano ricoprire i 2 ruoli di free e strong safety sperando di non sentire troppo la mancanza di Yeremiah Bell. A chiudere la nostra endzone agli avversari ci saranno Jones, Clemons e/o Culver. Johnson provienienza Vikings veterano esperto che serivra' anche come leadership.
Jimmy Wilson passera' dal ruolo di cornerback a safety, come fece in gioventu' a Montana.

SPECIAL TEAMS (3): K Dan Carpenter, P Brandon Fields, KOR Clyde Gates, PR Davone Bess, LS John Denney.
Qui ce' qualita', 2 tra i migliori punter e kicker delle lega.  Carpenter 29 su 34 field goals. Bene ai ritorni di punt con Bess con 11.9 yards di media, quinto in classifica. Con le recente aggiunte al draft di Rashard Matthews e Lamar Miller facile pensare che non si vedra' piu' il buon Reggie Bush a ritornare i kickoff dato anche il fatto che lo scorso anno Gates quando e' stato chiamato in causa ha avuto una buona media con 24.8 yards, 13esimo nella classifica NFL.

 

[foto MiamiDolphins.com]