logotype
27 -January -2022 - 06:29

I Miami Dolphins hanno iniziato a trovare accordi contrattuali con i giovani rookie e la prima firma per i nuovi giocatori scelti al draft è quella della guardKindia Solomon Kindley da Georgia, e dopo di lui è toccato al defensive end Jason Strowbridge da North Carolina. In seguito sono arrivate anche le firme di altri 4 : il first-round quarterback Tua Tagovailoa da Alabama, il second-round defensive tackle Raekwon Davis da Alabama, il fifth-round defensive end Curtis Weaver da Boise State, il sixth-round long snapper Blake Ferguson da LSU e il third-round safety Brandon Jones da Texas.

Da segnalare anche che la squadra ha lasciato libero il running back De'Lance Turner che era arrivato da noi a metà stagione lo scorso anno dai Baltimore Ravens, buona fortna a lui.
 
 
E sono state anche fissate le date e gli orari della 4 partite di Pre Season di questa nuona stagione NFL 2020
 
ven 14 Ago @ Atlanta Falcons al Mercedes-Benz Stadium WFOR CBS4 1:00am 
 
gio 20 Ago vs PHILADELPHIA EAGLES all'Hard Rock Stadium WFOR CBS4 1:30 am
 
gio 27 Ago vs DETROIT LIONS all'Hard Rock Stadium WFOR CBS4 1:30 am
 
gio 3 Set @ New Orleans Saints al Mercedes-Benz Superdome WFOR CBS4 2:00 am
 
 

Guarda sulla pagina del CBS Miami il servizio a questo link https://cbsloc.al/2WyAAhl

Questa notte è stato presentato il calendario della stagione NFL 2020 che quest'anno inzierà giovedì 10 settembre con l'anticipo  tra i neo campioni dei Kansas City Chiefs che ospiteranno gli Houston Texans. Ma analizziamo il nostro prossimo cammino. Tre partite a Settembre, 2 in trasferta e una in casa, poi ad Ottobre altre 4 partite con 2 in casa e 2 i trasferta consecutive, a Novembre 3 partite poi la Bye alla Week 11 e un'altra partita, 2 i casa e 2 in trasferta, per Dicembre 3 partite consecutive in casa e una in trasferta, ultima giornata a Gennaio in trasferta al freddo. I Miami Dolphins invece riprenderanno a giocare Domenica 13 Settembre in trasferta al Foxboro contro i New England Patriots. Buon periodo per affrontare quell'orso ferito di BB e company. Week 2 in casa ospitiamo i Bills già un bel test per provare subito se il nostro nuovo assetto pagherà in futuro.  Week 3 giochiamo l'anticipo del giovedì a Jacksonville contro i Jaguars, forse il nostro avversario più mansueto. Week 4 in casa nostra contro i Seattle Seahawks e sarà dura,e poi 2 trasferte consecutive all'ovest prima Week 5 a San Francisco contro i campioni della NFC  49'ers e dovremo giocare al meglio delle nostre possibilità e nella Week 6 a Denver contro i nuovi Broncos che anche si batteranno per confermarsi squadra in crescita. 

Le due successive lo giochiamo in casa prima nella Week 7 contro i Chargers contro i quali potremmo sfruttare la loro fase di assestamento con nuovo Qb e jet-lag per il viaggio da una costa all'altra e stesso discorso per la Week 8 che giocheremo contro i robusti Rams.

Per la Week 9 saremo in trasferta a Phoenix per giocare contro i Cardinals partita interessante per fare già il punto della situazione dopo la metà del campionato dovremmo già avere l'idea di quel che potrebbe succedere nella seconda parte della stagione. Week 10 in casa contro i Jets, riposiamo nella Week 11 e poi Week 13 rigiochiamo con i Jets ma a casa loro. 

La pausa alla Week 11 sembra tattica, al 22 Novembre una bella pausa per recuperare le forze e prepararsi per l'ultimo mese. Dopo la trasferta a New York abbiamo 3 partite consecutive in casa Week 13 contro i Bengals, Week 14 contro i Chiefs e Week 15 Patriots. Un bel trittico, Bengals gestibili ma poi i Campioni in carica dei Chiefs e successivamente gli arci rivali dei Patriots per l'ultima partita di stagione regolare in casa a Miami . 

Finale di stagione in trasferta per due volte consecutive, Week 16 a Las Vegas contro i Raiders e poi Week 17 il 3 Gennaio al gelo di Buffalo. In diretta TV in prime time in america solo l'anticipo della week 3 contro Jacksonville Jaguars, nessun Monday Night Football per noi e al momento nessun Sunday Night anche se la formula del flexi schedule potrebbe permetterci di far scalare una delle nostre partite la domenica notte in prime time. Speriamo in bene.

Per quel che riguarda la Pre Season i Miami Dolphins hanno annunciato che la prima partita la giocheranno ad Atlanta contro i Falcons tra  Aug. 13-17. Poi in casa all' Hard Rock Stadium contro i Philadelphia Eagles Aug. 20-24. La terza a Miami contro i  Detroit Lions (Aug. 27-30) e l'ultima a New Orleans (Sept. 3-4) e le date verranno fissate più avanti.

#FinsUpFromItaly

Il football americano piange il più grande coach di tutti i tempi : Don Shula il 4 Maggio 2020 ha lasciato il mondo terreno all’età di 90 anni. La notizia della sua scomparsa ha raggiunto tutti con tanta amarezza. Uomo garbato educato che ha dedicato sempre quasi tutto il suo tempo al football americano. Come giocatore prima al college alla John Carroll in doppio ruolo di Difensive Back e Half Back, poi viene scelto nel 1951 proprio dal Paul Brown per giocare nella NFL con i Cleveland Browns (1951/52), e poi con i Baltimore Colts (1953/56) dove poi ha iniziato anche la carriera di allenatore (1963/69). Ultimo anno da giocatore a Washington con i Redskins nel 1957. Porta i Colts nel 1969 al Super Bowl III perdendolo a sorpresa contro i Jets di Namath e poi si trasferisce a Miami, in Florida nel 1970 e rimarrà lì come capo allenatore fino alle stagione 1995. Con i Dolphins raggiunge subito 3 Super Bowl di fila, perde il primo nella stagione 1971 VI contro i Dallas Cowboys, poi la Perfect Season nel 1972 con il record di 17-0, vinte tutte dalla prima all’ultima vincendo il Super Bowl VII contro i Washington Redskins, e nuovamente l’anno nel 1973 successivo il Super Bowl VIII contro i Minnesota Vikings. Successivamente tornerà al Super Bowl altre 2 volte perdendo sia contro i Washington Redskins nel Super Bowl XVII che poi contro i San Francisco 49’ers nel Super Bowl XIX. Ogni anno quando l’ultima delle squadre imbattute perde la partita che gli compromette la stagione perfetta lui e tutti i suoi giocatori rimasti in vita della squadra della Perfect Season 1972 si riuniscono annualmente per brindare a quell’impresa che dura ancora a distanza di decenni, ma il prossimo anno mancherà anche lui.

Con i Miami Dolphins dal 1970 al 1995 ha avuto solo due stagioni con un record negativo nel 1976 6 vinte e 8 perse e poi nel 1988 con 6 vinte e 10 perse e solo per 4 volte in pareggio con 8-8 1980,86,89 e 1991. Quando smetterà di allenare, rassegnando le dimissioni a fine stagione 1995 con i Miami Dolphins il suo record sarà di 274 vinte 147 perse 2 pareggiate, e il numero di partite vinte in carriera è di ben 347 partite incluse quelle di post season, più di chiunque altro. L’allenatore con più partite vinte nella storia della NFL. Vivendo a Miami non ha mai abbandonato i Dolphins rimanendo sempre come mentore per tutte le figure che hanno gravitato intorno alla organizzazione dando spesso consigli utili a tutti dai presidenti ad allenatori. Per molti allenatori è stato un modello da seguire per la sua dedizione e per il modo di operare sul campo, un riferimento per tutti grazie al suo modo semplice diretto e pratico. Era un uomo di classe, corretto, spietato come allenatore molto esigente e preciso ma molto affabile fuori dal campo, sempre con il sorriso e con buone parole per tutti. Lascia un vuoto in tutti gli appassionati del football americano a tutti i livelli. Anche i Italia la sua morte è stata ripresa da diversi siti sportivi e di informazione.  One&Only Don Shula Rest In Power #FinsUpFromItaly

Questo l'articolo su Don Shula scritto in precedenza per delineare il suo profilo 

Le ultime immagini pubbliche di Don Shula durante la cerimonia di apertura del Super Bowl 2020 di Miami tra Kansas City Chiefs e San Francisco 49ers dove erano stati radunate tutte le leggende ancora in vita dei primi 100 di vita della NFL

 

Leggi quello che hanno scritto i principali siti di informazione italiani per la morte di Don Shula
 
-SKY SPORT ITALIA 
 
 
 
 
 
 

 

I Miami Dolphins sono sempre a caccia di nuove scelte per il prossimo draft NFL 2021 e nel fine settimana scorsa sono riusciti a scambiare un giocatore in cambio di una scelta al prossimo draft 2021. Il giocatore che ci lascia è la prima scelta, #22, del draft 2017 : Charles Harris e per lui noi riceviamo solo una settima scelta dagli Atlanta Falcons! Buon affare? Forse per loro. Il DE Charles Harris con noi ha giocato per 41 gare ma soltato 8 come titolare in 3 stagioni (2017-19) con 61 tackles (34 solo), 3.5 sacks, 2 passes defensed e 1 fumble recovery. Per lui lo scorso anno è stato quello più produttivo in14 gare 5 da titolare : 23 tackles (11 solo) e mezzo sack. Buon fortuna Charles Harris

I Miami Dolphins hanno rilasciato il DE Taco Charlton. Era arrivato da noi ad inizio stagione lo scorso anno e con noi ha giocato in 10 partite, 5 da titolare con 21 tackles (14 solo), 5 sacks e 2 forced fumbles. Questa mossa arriva dopo il draft e dopo l’arrivo di diversi nuovi giocatori ed è sintomo che la dirigenza pensa e spera di aver trovato dei giocatori almeno equivalenti se non migliori nella sua posizione di defenve end. Buona fortuna a lui.  Questo è l’elenco dei 10 Undrafted College Free Agents : wide receiver Matt Cole, tackle Jonathan Hubbard, linebacker Kylan Johnson, defensive tackle Benito Jones, tackle Nick Kaltmayer, defensive tackle Ray Lima, wide receiver Kirk Merritt, defensive end Tyshun Render, center Donell Stanley e il tight end Bryce Sterk.

Cole da McKendree University, dove si è messo in evidenza con i riconoscimenti di Great Lakes Valley Conference Special Teams Player of the Year come senior e di first-team All-GLVC honors con 43 palle per 939 yards (21.8 avg.), con lo school records per receiving yards e touchdown receptions. All'attivo anche 23 kickoff returns per 625 yards (27.2 avg.) e 1 touchdown, più 8 punt returns per 208 yards (26.0 avg.).

Hubbard tre anni da titolare a Northwestern State. La sua linea di attacco ha raggiunto lo school records in passing yardage nelle due ultime stagioni.

Johnson da Pittsburgh : 54 tackles, 6.5 sacks e 2 forced fumbles e All-ACC honors. Prima a Florida, Johnson in 33 gare : 83 tackles e 1 sack.

Jones da Mississippi, in totale al college 132 tackles e 10.5 sacks, più second-team All-SEC come senior nel 2019. Lo scorso anno 30 tackles come nose tackle, record della conference.

Kaltmayer da Kansas State, All-Big 12.

Lima da Iowa State, second-team All-Big 12 nel 2019 e first-team All-Big 12 come junior nel 2018. Lima in NCAA 87 tackles e 10.5 stops for loss.

Merritt da Arkansas State,  first-team All-Sun Belt 2018 e 2019. Ha ricevuto 70 passaggi per 806 yards (11.5 avg.) e 12 touchdowns come senior nel 2019 e 83 prese per 1,005 yards 12.1 avg.) e 7 touchdowns come junior nel 2018.

Render da Middle Tennessee State.  49 tackles, 3.5 sacks, 1 intercetto, 5 pass breakups, 2 fumble recoveries e 2 forced fumbles.

Stanley da South Carolina ha all'attivo 50 partite con 38 da titolare : 23 come center, 11 come left guard e 4 come right guard. Stanley team captain lo scorso anno e team's leadership award e unselfish teammate award on the offensive side of the ball.

Sterk da Montana State,  second-team FCS All-American come defensive end nel 2019. 20 tackles for loss e 15 sacks come senior.

A Marzo nel periodo del mercato libero dei Free Agents i Miami Dolphins si erano mossi abbastanza bene mettendo sotto contratto 10 nuovi giocatori e riconfermandone uno. Alla conferma e rifirmato la Safety Adrian Colbert che era già con noi nel finale di stagione 2019 per 6 partite ma 5 da titolare e ha realizzato 20 tackles (14 solo). Nel 2019 aveva iniziato la stagione con Seattle e prima ancora invece aveva fatto 2 stagioni con i 49'ers (2017-18) che lo avevano scelto al settimo round come 229 in assoluto da University of Miami. In carriera Colbert ha giocato per 27 partite con 17 da titolare totalizzando 72 tackles (58 solo), 8 passes defensed, 2 forced fumbles e 1 fumble recovery.

 

Contratti nuovi per questi 10 unrestricted free agents:

-Safety Clayton Fejedelem (Cincinnati), Fejedelem (pronuncia FEDGE-uh-lemm) in 4 anni di NFL ha giocato in tutte le 64 partite (2016-19) con i Cincinnati Bengals. Al suo attivo 80 tackles (55 solo), 1 intercetto, 2 passes defensed, 1 forced fumble e 1 fumble recovery, mentre negli special teams 36 stops (21 solo). Fu scelto al settimo giro #245 dai Cincinnati Bengals nel 2016 NFL draft.

-Guard Ereck Flowers (Washington), Flowers giocatore esperto con 75 partite giocate e ben 71 da titolare in NFL, scelto al primo round #9 giocatore in assoluto dai N.Y. Giants nel 2015. Lo scorso anno ha giocato tutte le 16 partite con i Redskins come left guard. Flowers é nato a Miami e ha frequentato la Norland Senior High School a Miami Gardens, dove aiutò la squadra a vincere il campionato statale nel 2011. Al college è andato alla University of Miami, dove poi è stato nominato second-team All-ACC come junior nel 2014.

-Linebacker Kamu Grugier-Hill (Philadelphia),Grugier-Hill (pronuncia KAH-moo GREW-jay Hill) ha partecipato a 54 partite, 16 da titolare in quattro stagioni con gli Eagles (2016-19). Il suo tabellino parla di 66 tackles (49 solo), 1 sack, 1 intercetti, 2 passes defensed, 2 forced fumbles, 1 fumble recovery, 30 special teams stops (25 solo). Fu scelto come sesta scelta #208 da New England nel 2016.

-Running back Jordan Howard (Philadelphia), 48 partite da titolare su 57 giocate in carriera anche lui in arrivo dai Philadelphia Eagles per i quali ha giocato nelle ultime 4 stagioni. In precedenza 3 anni a Chicago (2016-18) e la stagione scorsa a Philadelphia (2019). In carriera ha portato la palla per 897 volte per un guadagno di 3,895 yards (4.3 avg.) e 30 touchdowns. Abile anche in ricezione ha collezionato 82 prese per 637 yards (7.8 avg.) e 2 touchdowns.  Nel suo primo anno da rookie nel 2016 era stato nominato PFWA All-Rookie Team e andò al Pro Bowl grazie a 1,313 rushing yards corse. I Bears lo scelsero al quinto giro del draft 2016 come #150 in assoluto.

-Cornerback Byron Jones (Dallas) Jones arriva dai Cowboys con i quali nelle sue 5 stagioni con loro ha giocato 79 partite di cui 73 da titolare (2015-19). 326 tackles (251 solo), 2 intercetti, 44 passes defensed e 3 forced fumbles. Jones è andato al Pro Bowl nel 2018 second-team All-Pro honors con 65 tackles (54 solo) e 14 passes defensed. Nel 2015 fu scelto proprio dai Texani al primo giro #27 in assoluto.

-Center Ted Karras (New England) Karras (pronuncia CARE-us) arriva dai Patriots e in 60 partite ne ha giocate 20 da titolare (2016-19). In 4 anni con lui i Patriots hanno vinto 2 Super Bowls (LI e LIII). Arrivò nella NFL come sesta scelta di New England nel 2016.

-Defensive end Shaq Lawson (Buffalo) Lawson in 50 gare solo 17 come titolare in 4 stagioni con i Buffalo Bills (2016-19). Per lui 108 tackles (63 solo), 16.5 sacks, 10 passes defensed e 5 forced fumbles. Lo scoro hanno Lawson ha totalizzato 6.5 sacks. Nel 2016 è stata la prima scelta, #19 per i Bills.

-Defensive end Emmanuel Ogbah (Kansas City) Ogbah (pronuncia AWG-buh) 44 partite da titolare sulle 50 disputate in 4 anni nella NFL, i primi 3 a Cleveland (2016-18) e lo scorso anno a Kansas City (2019), con i quali ha vinto il Super Bowl LIV. Si presenta a noi con 154 career tackles (93 solo), 18 sacks, 20 passes defensed, 3 forced fumbles e 2 fumble recoveries. seconda scelta di Cleveland nel 2016.

-Linebacker Elandon Roberts (New England) Roberts giovane con 33 presenze da titolare su 60 gare si riunisce con Flores dopo 4 stagioni (2016-19) a New England. 202 tackles (118 solo), 4 sacks, 6 passes defensed, 1 forced fumble e 1 fumble recovery. Roberts ha avuto anche esperienza nella post season giocando 10 partite, di cui 7 dall'inizio e vincendo 2 Super Bowls LI e LIII. Nel 2016 preso da Belick e soci al sesto giro.

-Linebacker Kyle Van Noy (New England) Anche Van Noy ex Pariots ha ceduto alle lusinghe di Brian Flores e si è trasferito a Miami. Con una esperienza di 81 partite di cui 52 da titolare in 6 campionati NFL (2014-19). 279 tackles (192 solo), 17.5 sacks, 2 interceptions, 10 passes defensed, 5 forced fumbles e 4 fumble recoveries in carriera. Van Noy prima di approdare ai Patriots era ai Lions, che lo scelsero al draf 2014 come seconda scelta, e successivamente grazie ad una trade a metà stagione del 2016 andò alla corte di BB. Nelle quasi 4 stagioni con i Patriots, Van Noy ha vinto 2 Super Bowls (LI e LIII).

Non male no?

Per affrontare la nuova stagione i Miami Dolphins hanno pensato anche di cambiare alcuni allenatori di reparto. Da quest'anno avremo un Offensive Coordinator con il pedigree : Chan Gailey, 68 anni di età e con 46 anni di esperienza come allenatore. Per lui è un ritorno perchè aveva rivestito questa figura anche nel biennio 2000/01. In carriera ha svolto lo stesso ruolo pure con Denver Broncos, Pittsburgh Steelers, Kansas City Chiefs e New York Jets, oltre a essere stato pure Head Coach per Dallas Cowboys e Buffalo Bills. Lo scorso anno avevamo preso l'esperto Jim Caldwell che poi purtroppo per motivi di salute aveva abbandonato e i Miami Dolphins avevano promosso O'Shea come Off Coord. Dopo aver licenziato O'Shea al termine della stagione ora per noi + un ottimo upgrade e Brian Flores si è detto contentissimo di avere l'esperto Gailey dalla sua parte, al suo fianco in sideline. Da segnalare che Gailey si era ritirato come Head Coach dei Buffalo Bills ma ora ha accettato l'incarico con entusiasmo. 
 
Oltre a Gailey gli ultimi ad approdare con noi sono stati : Gerald Alexander defensive backs coach, Anthony Campanile linebackers coach e Lemuel Jeanpierre assistant offensive line coach.  Inoltre l'Head Coach Brian Flores ha promosso Karl Dorrell to assistant head coach/wide receivers e Josh Grizzard assistant wide receivers coach. Rob Leonard è ora assistant defensive line coach.
 
Alexander è l'undicesimo nella storia ad essere stato prima giocatore e poi allenatore per i Miami Dolphins.  Nel 2011 come backup safety e poi per tre stagioni come defensive backs coach a California. Due giocatori allenati da lui sono stati premiati come All-Pac-12 honors nel 2019 – Camryn Bynum Jr. e Ashtyn Davis. Nel 2018 il reparto allenato da Alexander ha contribuito i suoi Bears a guidare la classifica Pac-12 per gli intercetti : 21
Campanile ha allenato sia in attacco che in difesa a livello di college. Nel 2019 era linebackers coach a Michigan, dove hanno giocato Khaleke Hudson e Josh Uche tutti e due All-Big Ten honors. Campanile ha trascorso 3 anni (2016-18) a Boston College defensive backs (2016-17) e poi co-defensive coordinator per la sua ultima stagione 2018. Prima ancora ha allenato tight ends (2013-14) e wide receivers (2015) a Rutgers.
 
Jeanpierre con 9 anni di esperienza NFL, 6 da giocatore (2011-16) e tra da coach (2017-19). Recentemente era assistant offensive line coach con gli Oakland Raiders 2018-19. La scorsa stagione ha ricoperto il ruolo di offensive line coach e i suoi hanno permesso soltanto 29 sacks. Quella stessa linea di attacco ha permesso al loro running back Josh Jacobs di correre per 1,150 yards, e di mandare 2 giocatori al Pro Bowl.
 
Dorrell lo scorso anno era wide receivers coach e prima sempre wide receivers coach nel periodo 2008-10 e quarterbacks coach nel 2011. Dorrell nel 2019 ha aiutato il WR DeVante Parker a raggiungere il livello leader per la AFC con 1,202 receiving yards. Altro ricevitori che lo scorso anno si è messo in evidenza è stato l'esplosivo undrafted rookie Preston Williams che prima di finire sulla injured list aveva ricevuto 32 palle per 428 yards (13.4 avg.) e 3 touchdowns. Per Dorrell ora il suo ruole è quello di assistant head coach/wide receivers.
 
Grizzard per la quarta stagione con noi dove nelle precedenti 3 rivestiva la qualifica di quality control coach. Prima di arrivare da noi aveva passato 4 anni a Duke (2013-16) come assistant e quality control coach lavorando quasi esclusivamente con i quaterbacks ora sarà assistant wide receivers coach.
 
Leonard al secondo anno con i Dolphins dopo che ha passato il 2019 come linebackers coach è stato promosso a assistant defensive line coach.

I Miami Dolphins dopo aver arricchito il parco giocatori di ben 12 nuovi elementi con il Draft 2020 ho dovuto liberarsi di alcuni che erano precedentemente a roster. Le "vittime sacrificali" sono i seguenti a quali auguriamo il meglio per le loro carriere. A salutare sono stati il linebacker Terrill Hanks, safety Montre Hartage, long snapper Taybor Pepper e il running back Samaje Perine.  Prima di loro e prima del Draft erano già stati rilasciati liberi anche : defensive end Jonathan Ledbetter, linebacker Jake Carlock, linebacker Jamal Davis II, wide receiver Andy Jones, cornerback Linden Stephens, defensive tackle Gerald Willis e il wide receiver Terry Wright.
 
Dopo il draft il primo giocatore ad essere messo sotto contratto è la S Kavon Frazier che ha trascorso gli ultimi suoi 4 anni con i Dallas Cowboys (2016-19) con i quali ha giocato 44 partite ma solo 2 datitolare. Al suo attivo 48 placcaggi (31 solo), 1 sack, 1 pass defensed e 1 forced fumble, e impiegato negli special teams 17 special teams stops (12 solo). Arrivò nella NFL come sixth-round pick (212th overall) per Dallas nel 2016 NFL draft.

 

I Miami Dolphins al 2020 NFL Draft, hanno scelto al primo giro, alla quinta posizione il Quarterback Tua Tagovailoa, e per ironia della sorte è il quinto quarterback scelto al primo turno nella storia della squadra. Al college con Alabama è arrivato 2 volte alla finalissima vincendola una volta e il suo record parla di 22 W e 2 L come titolare per i Crimson Tide.  87 touchdowns e 11 intercetti, 7,442 yards (10.9 yards-per-pass) con una percentuale di completi del 69.3 che tradotto significa un bel 199.4 career passer efficiency rating, secondo miglior rating nella storia della NCAA football. Parlano di lui come un combattente, un bravo ragazzo molto maturo e responsabile, genuino e umile. Secondo Nick Saban, Head Coach di Alabama, il ragazzo ha tutte le qualità per essere un leader nella NFL. Per il Pro Day il ragazzo si è preparato con il Super Bowl champion Trent Dilfer che ha parlato anche lui di un ragazzo molto promettente. Infortuni : eh si, purtroppo si era rotto il bacino, abbastanza seriamente ma ora sembra totalmente recuperato. Incrociamo le dita.
 
 
La seconda scelta dei Miami Dolphins al primo round in posizione numero 18 hanno scelto Austin Jackson LT left tackle da University of Southern California, figlio e nipote d'arte. Bello grosso agile e imponente 6-foot-5, 322 lbs, abile e di buona tecnica per proteggere il lato cieco del QB. Ma con Tua che è mancino, il suo lato cieco sarà quello a destra? Vabbeh il ragazzo è già un buon prodotto da finalizzare e non puo' che migliorare.  Jackson sulle 40 yads alla Combine ha registraor un bel a 5.07. Puo' giocare sia Tackle che Guardia e forse non sarà subito pronto a giocare da titolare ma senza fretta potrà diventare un ottimo giocatore in linea di attacco.  Al collegge negli special teams veniva anche impiegato come field goal blocker grazie alla sua agilità ed elevazione! Si definisce appassionato e competitivo.  In questo draft è il giocatore in questa posizione più giovane, vorra dire che potrebbe giocare anche più degli altri se rimane integro abbastanza. Papà e nonno anche loro giocatori proffesionisti, se buon sangue non mente... Jackson negli ultimi 2 anni al college ha giocato per  1,748 snaps tutti come left tackle. 
 
 
Dopo aver scambiato la 26esima scelta con Green Bay per la numero 30 e la 136 i Miami Dolphins come terzo giocatore al primo round hanno scelto il CB Noah Igbinoghene da Auburn. Ottimo atleta versatile veloce attento e velocissimo anche ritornatore. 
 
 
Grosso e potente sopratutto nei giochi di corsa e buonissimo nei blocchi downfield.  Da Louisiana - Lafayette un buon atleta che rinforza la nostra linea offensiva, Presto dire se sarà subito un titolare ma ha tutte le doti per esserlo a lungo. Alla recente NFL Scouting Combine era piaciuto a moltissimi scouts. Intelligente e potrebbe rivestire le posizioni di Gurad o Tackle a destra (lato cieco per il nostro nuovo QB Tua)

Gran bel giocatore anche il DT Raekwon Davis da Alabama, potente e potenzialmente potrebbe pure giocare sia End che Nose Tackle. Buona struttura fisica e ben preparato secondo Pro Football Focus lo scorso anno  ha giocato più come esterno : 391 snaps B gap, 122 al centro, 63 outside the tackle e 59 in the A gap.
 
 
Il primo giocatore scelto al terzo round è la S Brandon Jones che di recente aveva avuto un infortunio alla spalla e prima dell'infortunio aveva giocato alla grande. Alto fisico e veloce abile a curare gli avversari posizionati in posizione di Slot. Se torna ai "vecchi" splendori non rimpiangeremo mai questa scelta. Ottimo apporto anche negli special teams dove aveva messo a segno punt bloccati e ritorni in touchdown. Nel backfield potrebbe giocare in ogni posizione grazie anche alla sua velocità e attenzione.  Nel 2019 285 snaps come free safety e 154 in the box, come slot 371 snaps. Nei 3 anni con Texas Longhorns in campo per 2,333 snaps di cui 1,285 in pass coverage.

 

Al quarto giro del draft il primo giocatore scelto è stato Big Fish e con un nickname così non poteva essere pescato dai Dolphins! Solomon Kindley Offensive Lineman (OG), Georgia, pick #111 nativo di Jacksonville, Florida, sportivo, esperienza anche come bagnino (origine del suo soprannome) ma anche buon giocatore di basket ma soprattutto una montagna di giocatore di football. Con lui i Dolphins aggiungono taglia, fisicità e sostanza in mezzo alla linea di attacco : 336 lbs ! Solito e agile riesce a condurre i bloccaggio downfield ma anche efficace nelle situazione di pass protection. Ad inizio carriera giocò come RG poi negli ultimi 2 anni al college, dal 2018 a sinistra LG. In NCAA ha giocato 2,005 snaps permettendo solo 4 sacks e 14 pressioni al QB su 901 situazioni di pass blocking.

Jason Strowbridge defensive lineman al quinto giro come #154 in assoluto. Di buona stazza 6-foot-4, 275lbs che iniziò in gioventù alla Deerfield Beach High School giocherà allo stadio dove tante volte in gioventù ha visto giocare i Miami Dolphins. Nato e cresciuto a 40 minuti dall'Hard Rock Cafe per lui è un sogno che si avvera. Pesante e veloce riuscirà a mettersi in evidenza spinto anche dall'entusiasmo per giocare per la sua squadra casa da sempre. Ottimo nella pass-rush e brutto cliente per le linea offensive avversarie grazie alla sua abilità nell'usare le mani per eludere i blocchi. Prodotto di North Carolina nel 2019 ha giocato in tutti i ruoli in linea di difesa così suddivisi : 283 snaps B gap, come Nose Tackle al centro 272 davanti tackle in posizione 4 technique (giù in basso anche con le mani), 111 outside tackle e 23 A gap. Nelle sue 2 ultime stagioni ha prodotto 10 sacks e 43 run stops. Pronto per giocae in uno schema difensivo 3-4. Alla recente Combine ha totalizzato questi numeri : 40-yard dash (4.89), 20-yard shuttle (4.37). Buona la sua ultima prestazione anche al Senior Bowl.

Curtis Weaver Defensive End arriva ai Miami Dolphins con il record di all-time Mountain West Conference sack leader. Proveniente da Boise State come scelta #164 e secondo giocatore scelto al quinto giro. Con all'attivo ben 1,780 snaps a Boise State ha messo a secgno ben 38 sacks. La sua pressione ha reso difficile la partita di ogni QB avversario. 6-foot-2, 265-lbs. Solare e divertene fuori dal campo durante le partite è un osso duro con cui competere per 3 ore di football. Abilissimo anche a leggere gli attacchi avversari e a dare indicazioni ai propri compagni, è stato davvero un leader con i suoi Broncos al college. Fisico e agile nei movimenti riesce spesso a trovarsi sempre in assetto, doti che gli hanno permesso di collezionare 47.5 tackles for loss a Boise State.All-American per CBS Sports.

Come #185 scelta i Miami Dolphins al sesto giro ha preso Blake Ferguson, long-snapper, LSU Tigers. Ferguson é stato il primo long-snapper nella soria di LSU ad essere nominato capitano permanente ha a vincere il David Binn Award come migliore long- snapper della nazione. Blake avrà la possibilità di giocare almeno 2 volte quest'anno contro il fratello Reid che attualmente + con i Buffalo Bills.

Ultimo giocatore scelto dai Miami Dolphins al settimo giro è stato Malcolm Perry da Navy, giocatore in attacco che può ricoprire diversi ruoli offensivi. Vi ricordate Kordell Stewart dei Pittsburgh Steelers, Slash, sbarra, /. Nel 2019 si è guadagnato il titolo di AAC Offensive Player of the Year. Giocatore molto versatile, veloce, atletico e molto reattivo sembra più che altro una scommessa fatta dal duo Chris Grier GM e  Brian Flores Head Coach. Vi ricordate Pat White? Ecco appunto, speriamo di no, speriamo meglio, più efficace, più produttivo. Buoni mani come ricevitore, ottime movenze nell'eludere i placcaggi con scatti, cambi di direzione repentine. Esperienza sia come slot recevier che come quarteback, buon lancio, e nel ritorno di calci ha un buon 24.6 yards di media. In 4 anni con Navy ha corso per 4,359 yards e ricevuto per 470 yards, 21.4 yard per reception. Ha segnato 43 scrimmage touchdowns, ne ha lanciati 10 e ha lanciato 1113,1 yards.

Durante il Draft poi abbiamo fatto una trade con i San Francisco 49ers e in cambio di una nostra quinta scelta abbiamo preso il loro RB Matt Breida. Ottimo RB già rodato in una squadra che è arrivata lo scorso anno al Super Bowl.