Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, e
chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie  

logotype
20 -November -2017 - 01:31

Notizie

Riassetto del coaching staff con Frank Bush in difesa

I Miami Dolphins hanno nuovamente fatto degli aggiustamenti al coaching staff per presentarsi al meglio a iniziare la nuova stagione. Frank Bush è stato assunto assistant head coach / linebackers coach, Darren Rizzi invece è stato promosso associate head coach / special teams coordinator e Chris Kuper promosso a assistant offensive line coach. Matt Burke rimane Defensive Coordinator
 
Bush con 32 anni di esperienza nella NFL sia come giocatore che scout e coach. Linebackers coach (2013-16) per i Los Angeles Rams dove il linebacker James Laurinaitis 3 stagioni con 100-tackle e 7 sacks (2013-2014). Nel 2016 il linebacker Alec Ogletree 136 tackles (98 solo) e 9 tackles for loss e 2 intercetti. 
 
Bush iniziò la sua carriera nella NFL come 5 scelta al draft (133rd overall) per i Houston Oilers nel 1985. Poi nel 1987 è diventato un college scout per gli Oilers per poi iniziare ad allenare come coach nel 1992. Bush ha al suo attivo 2 vittorie al Super Bowls (XXXII e XXXIII) con i Denver Broncos (1995-2003). Ha avuto anche esperienze poi con Arizona (2004-06), Houston (2007-10) e Tennessee (2011-12). Bush per i Texans ha ricoperto il ruolo defensive coordinator (2009-10).
 
 
Darren Rizzi al momento è tra il coaching staff quello che è con noi da più tempo, arrivato a Miami nel 2009 come assistant special teams coach. Promosso special teams coach nel 2010 e special teams coordinator nel 2011 prima di essere designato anche come assistant head coach nel 2015. Nella recente stagione 2016 lo special teams di Rizzi ha bloccato 5 calci (3 extra points e 1 punt), con ben 3 palle ritornate in touchdown (Jakeem Grant – punt, Kenyan Drake – kickoff, Walt Aikens – blocked punt) e 2 giocatori nella NFL’s top 3 for special teams tackles (Michael Thomas, T-1st, 19; Mike Hull, 3rd, 18). Inoltre Walt Aikins ha bloccato un extra point ritornando la palla nella endzone opposta per 2 punti nella partita contro i Cardinals in casa 11 Dicembre 2016, prima conversione da 2 punti ritornata nella storia dei Miami Dolphins. 
 
 
Kuper che precedentemente ricopriva il ruolo di team’s offensive (offensive line) quality control nella scorsa stagione 2016 aiutando quel reparto per 3 volte in campionato a mettere a segno una produzione oltre le 200-yards con il running back Jay Ajayi. Jay "Train" Ajayi  è il quarto giocatore nella storia della NFL ad aver corso oltre il muro delle 200 yards in 3 partite nella stessa stagione. E sempre questa offensive line quest'anno ha lavorato meglio proteggendo il quarterback Ryan Tannehill mettendolo in posizione di avere il più alto rating in carriera (93.5) e la miglior media di yards guadagnate per lanci completi (7.70) dei suoi primi 5 anni nella NFL. E giustamente come cigliegina sulla torta il rookie Lamery Tunsil è stato nominato AFC East division Rookie of the year per la stagione NFL 2016 (NFL All-Rookie Team, per Professional Football Writers of America)
 
 
Matt Burke svolgerà il delicato compito di defensive coordinator e questo vuol dire che per la seconda volta consecutiva avremo in quel ruolo un coordinatore rookie, al suo primo anno, dato che Burke prende il posto di Vance Joseph  che è diventato head coach dei Denver Broncos.
 
Burke, ex giocatore nel ruolo di safety a Dartmouth, ha avuto esperienza come linebackers coach con i Cincinnati Bengals (2014-15) e i Detroit Lions (2009-13) prima di raggiungere il coaching staff dei Miami Dolphins nel 2016. Ancora prima ha trascorso ben 5 stagioni con i Tennessee Titans nella veste di defensive assistant/quality control coach (2006-08) e administrative assistant (2004-05).
 
"Matt conosce bene questa difesa,” ha detto l'head coach Adam Gase. “Molto vicino a Vance Joseph già ai tempi quando erano insieme a Cincinnati e io ho sempre avuto la sensazione di avere con me 2 defensive coordinators.”
 
Burke ora ha il compito arduo da risistemare una difesa che statisticamente è stata una tra le peggiori di sempre concedendo 6,122 in stagione risultando poi la 29th avendo concesso una media di 382.6 a partita, 30th contro la corsa 140.4 yards a partita, 15th contro i passaggi 242.2 yards a partita e 18th in punti concessi 23.8 punti a partita.
 
Burke 40 anni ha avuto un gran lavoro da fare ogni settimana a cercare di mettere in campo almeno 3/4 linebackers su 2 gambe visto il gran numero di infortuni che hanno decimato il reparto anche se poi il middle linebacker Kiko Alonso ha finito la stagione con all'attivo 115 tackles.
 
Koa Misi (collo) e Jelani Jenkins (ginocchio e mano) hanno saltato tante partite. Misi ne ha giocate solo le prime 3, Jenkins ne ha giocate 9 saltandone 4 delle ultime 5.
 
Burke ha dovuto mettere in condizione da poter contribuire subito il nuovo arrivato Donald Butler, e preparare i backup Spencer Paysinger e Neville Hewitt forzando anche il giovane Mike Hull, second-year undrafted da Penn State a scendere in campo in situazioni di emergenza.
 
Il front seven, l'offensive line dovrà essere ridisegnato. Note positive però per il defensive tackle Ndamukong Suh (career-best 71 tackles, 5 sacks) e defensive end Cameron Wake (11.5 sacks) tutti e 2 convocati al Pro Bowl. Rilasciato Jason Jones e probabilmente a breve pure il veterano Mario Williams (1.5 sacks), e dovrebbero rimanere i defensive tackles Jordan Phillips e Earl Mitchell anche se Mitchell ha avuto delle noie fisiche che l'anno limitato per ben 9 partite.